Miss Cantine

Gli ultimi controlli medici prima della consegna: in cosa consistono e quando vengono eseguiti

Sei nel tratto finale della tua gravidanza e non ti resta molto tempo per avere il tuo bambino con te! È possibile che le ultime settimane siano state fatte particolarmente in salita, perché al desiderio incontrollabile di incontrare il tuo piccolo si uniscono i disagi e le preoccupazioni tipiche di quest’ultima sezione.

Oggi esaminiamo quali sono i test medici e i controlli che verranno effettuati prima della consegna che, in generale, tendono ad intensificarsi rispetto ai primi due trimestri. Ricorda, inoltre, l’importanza di porre al tuo medico o all’ostetrica qualsiasi domanda tu possa avere, così come la raccomandazione di preparare un piano di nascita personalizzato.

L’inizio del terzo trimestre inizia con a visita all’ostetrica o al ginecologo, che valuterà le tue condizioni generali, eseguirà un esame fisico e richiederà i test complementari che dovresti avere: essudato analitico, ecografico e vaginale-rettale.

Allo stesso modo, ti informeranno sulle cure che dovresti eseguire in quest’ultima fase della gravidanza e chiariranno eventuali dubbi o domande che hai.

Dato che è successo fino ad ora, è probabile che in tutte le tue visite verifichi il peso e la pressione sanguigna e mentre si avvicina la data di consegna il ginecologo esegue un esame vaginale (o tocco vaginale) per verificare le condizioni della cervice e se ha la cancellazione o ha iniziato la dilatazione.

Analisi del sangue e delle urine

Come negli altri due quarti, anche nel terzo eseguire un esame del sangue e delle urine per escludere qualsiasi problemao mettere la soluzione immediata se presente.

il L’analisi delle urine rivelerà se c’è un’infezione nel tratto urinario (qualcosa di abbastanza comune durante la gravidanza), poiché un’infezione non trattata potrebbe innescare il parto in anticipo. Allo stesso modo, l’urina può anche rivelare la presenza di proteine, indicando così una possibile preeclampsia.

Per quanto riguarda l’esame del sangue, avrai un emocromo di base con cui il stato dell’emoglobina – al fine di rilevare una possibile anemia – o qualsiasi problema di coagulazione che controindichi l’uso dell’anestesia epidurale.

Ultrasuoni del terzo trimestre

L’ecografia del terzo trimestre si svolge tra le settimane 32 e 36, ed è molto utile per valutare le condizioni del bambino, la placenta e il liquido amniotico, nonché per escludere possibili anomalie.

Con questo test ad ultrasuoni, verrà anche vista la posizione del bambino e il suo peso approssimativo sarà calcolato con le misurazioni del diametro cefalico, del diametro addominale e della lunghezza del femore. Ciò verificherà che lo sviluppo sia corretto e che non vi sia una crescita intrauterina ritardata (CIR).

Se su questa ecografia il medico ti dice che il bambino non è ben posizionato, non allarmarti. Mancano ancora alcune settimane a farlo girare ed essere posizionato correttamente per nascere.

Test dell’essudato vaginale-rettale o dello streptococco B

Tra la settimana 35 e 37, il medico ti farà un test per escludere un’infezione da streptococco di gruppo B.. Sebbene questi batteri siano naturalmente presenti nel corpo umano senza causare alcun problema, nel caso delle donne si depositano nella vagina e nel retto e talvolta possono causare gravi infezioni nel neonato.

Il test strep viene eseguito in modo simile a una citologia vaginale, analizzando campioni di vagina e retto attraverso uno striscio. È una procedura indolore e in due o tre giorni avrai i risultati. Se positiva, la donna riceverà antibiotici per via endovenosa durante il parto per prevenire l’infezione del neonato.

Monitoraggio fetale

Il monitoraggio fetale prima del parto è un test prenatale indolore Viene fatto per controllare il benessere del bambino alla fine della gravidanza. Di solito viene eseguito dalla settimana 37 o 38 e misura sia il battito cardiaco del bambino sia l’attività uterina della donna incinta.

Nella maggior parte dei casi, il test del monitor di solito ha una periodicità settimanale e sebbene ci siano madri che lo attraversano più volte prima della nascita del loro bambino, altri non lo fanno perché vanno in travaglio prima.

Consultare l’anestesista

Nella settimana 36, ​​circa, avrà luogo la consultazione con l’anestesista, dove valutare l’uso o meno dell’anestesia durante il parto, le possibili controindicazioni e il tipo di anestesia da utilizzare.

Anche quando vuoi partorire senza un’epidurale, questa consultazione di solito viene fatta allo stesso modo, dal momento che non sai mai se ci può essere un cambio di opinione o qualche complicazione che ne renda essenziale l’uso.

Questi test medici possono variare da una donna all’altra, poiché dipenderanno da molti fattori, tra cui, ovviamente, il tipo di gravidanza, nonché la presentazione di qualsiasi problema o anomalia che costringe a intensificare i controlli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *