Miss Cantine

Come prevenire il rischio di parto pretermine

Una nascita su dieci nel mondo ha luogo prima della 37a settimana di gestazione. Secondo gli ultimi dati, in Spagna nascono prematuramente 28.000 bambini, essendo uno dei paesi europei con il più alto tasso di natalità pretermine.

Ci sono alcuni fattori di rischio che possono innescare il parto in anticipoe sebbene non sia sempre nelle nostre mani evitarlo, ci sono alcune misure che possiamo prendere per prevenire il rischio di parto prematuro.

il controlli con il ginecologo e l’ostetrica durante la gravidanza Sono essenziali per prendersi cura della propria salute e del corretto sviluppo del proprio bambino, nonché per diagnosticare qualsiasi possibile situazione medica che possa accelerare il parto, come ad esempio:

  • preeclampsia
  • Malformazioni anatomiche dell’utero.
  • Malattie della madre come diabete, malattie cardiache, malattie renali o infezioni.
  • Complicanze della placenta come placenta previa, distacco o infezione.
  • Insufficienza cervicale

Oltre a monitorare il corretto sviluppo della gravidanza, il medico ti informerà ad ogni visita dei passaggi da seguire, degli esami del sangue e degli ultrasuoni che dovrai eseguire, nonché di altri test complementari (streptococco, misurazione della piega nucale, curva del glucosio. ..)

Se stai pianificando una gravidanza, sarebbe bene cercare un ginecologo di cui ti fidi e andare a una prima visita di preconcetto.

Fumi? È giunto il momento di partire

Il fumo durante la gravidanza comporta numerosi rischi per la salute, sia per la madre che per il bambino, oltre ad aumentare le possibilità di parto prematuro e morte improvvisa del bambino.

Quindi, se tu o il tuo partner siete fumatori, la cosa migliore è smetti di fumare prima di considerare di avere un figlio, ma se ciò non fosse possibile, la gravidanza dovrebbe essere il momento di abbandonare questa abitudine.

Non una goccia di alcol (o altre droghe)

L’alcool, per quanto poco, attraversa la barriera placentare in pochi minuti ed è fissato al liquido amniotico e ai tessuti fetali, il che può causare effetti molto gravi sul bambino.

Ma oltre a influenzare il normale sviluppo della gravidanza ed essendo in grado di causare un parto prematuro, il consumo di alcol è correlato a ritardo mentale nel bambino, malformazioni, ritardo della crescita, basso peso alla nascita o persino problemi di apprendimento. Consumato in dosi significative è anche associato alla sindrome alcolica fetale.

Fai molta attenzione ai farmaci che assumi

Qualsiasi farmaco, sia quelli venduti su prescrizione medica sia quelli che non lo sono (ad esempio, ibuprofene), nonché i preparati a base di erbe o fitoterapia potrebbero danneggiare il bambino o / e influire sul corretto sviluppo della gravidanza.

pertanto, non dovremmo auto-medicare durante la gravidanza, ma nessuno dei due smette di assumere da solo un trattamento per un disturbo cronico, senza aver prima consultato il medico. Chiedi una consulenza professionale in ogni momento.

Non mettere a rischio il tuo bambino: medicinali vietati durante la gravidanza

Abitudini di vita sane

Una dieta corretta (con i supplementi indicati dal medico), un moderato esercizio fisico e l’igiene dentale svolgono anche un ruolo importante nella prevenzione della nascita prematura.

Una dieta sana ed equilibrata, che include i cibi più sani per questa fase, è essenziale sia per mantenere la salute della donna incinta che per quella del suo futuro bambino, e per prevenire possibili complicazioni.

È anche importante prendersi cura dell’igiene dentale durante la gravidanza, non solo per prevenire la carie, la gengivite o altri problemi orali, ma anche perché alcune infezioni aumentano il rischio che la donna incinta abbia un parto prematuro o un bambino con basso peso alla nascita.

E per quanto riguarda l’esercizio fisico, se l’hai già praticato prima di rimanere incinta non c’è motivo di non continuare a praticarlo durante la gravidanza, a meno che il medico non indichi diversamente. E se non l’hai mai praticato prima, la gravidanza è un buon momento per iniziare a farlo, sempre delicatamente e seguendo le raccomandazioni degli esperti.

Evita lo stress

Tra i fattori di rischio per la nascita pretermine Lo stress e l’ansia si trovano, quindi dobbiamo fare tutto il possibile per evitarlo. In questo senso, la pratica dello yoga o dei pilates, la respirazione profonda e consapevole, le lezioni di preparazione al parto e il riposo adeguato possono essere grandi alleati.

Chiedi aiuto alle persone intorno a te se ti senti stanco o sopraffatto e se hai preoccupazioni ricorrenti sullo stato della gravidanza, non esitare a consultare il medico o l’ostetrica.

Lo stress è ereditario? Uno studio analizza le conseguenze della sofferenza durante la gravidanza

Impara a identificare i segni della nascita pretermine

Tutte le donne in gravidanza (in particolare quelle con rischi più elevati) dovrebbero conoscere i segnali di avvertimento della nascita pretermine per sapere come agire, poiché a volte, un intervento medico precoce potrebbe fermare il travaglio e fare in modo che il bambino possa continuare a svilupparsi più a lungo nell’utero materno.

Tra questi segnali ci sono:

  • Contrazioni regolari ogni 15 minuti o meno, della durata di 20 secondi a due minuti ciascuna, tra la 21a e la 37a settimana di gestazione.

  • Sanguinamento vaginale pesante o lieve sanguinamento accompagnato da dolore o altri sintomi.

  • Cambiamento di colore e consistenza delle perdite vaginali o perdita di liquidi.

  • Mentre l’espulsione del tappo mucoso non è un segno di consegna imminente, è un segno che la cervice inizia a dilatarsi, pertanto è necessario consultare immediatamente il medico.

Inoltre, non dimenticare di andare al pronto soccorso se noti dolore o pressione nel bacino, crampi, crampi addominali o bruciore / bruciore durante la pipì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *